Suomen suurin matkablogiyhteisö

è sicuro avere un testo non protetto dopo un certo periodo?

Avevo già visto buchi nelle pareti del bagno, ma non avevo idea di quale scopo servissero fino al mio ultimo anno di liceo. Avevo appena compiuto diciotto anni e mi ero appena laureato. Ero annoiato dal mio cranio con niente da fare, tranne il lavoro, fino a quando sono partito per il college. Ho avuto momenti in cui non ero sicuro di riuscire a superare l’estate. Nella mia mente il ”college” aveva raggiunto uno status quasi mitico. ”College” mi avrebbe salvato dall’ottusità della vita di una piccola città. ”College” sarebbe un luogo in cui le persone parlavano di libri, film e idee, non solo di calcio, basket, baseball e scopate. Non avevo una ragazza. Avevamo deciso, con pochissima confusione o fastidio, che non eravamo così vicini l’uno all’altro che aveva senso tentare una relazione a distanza. Se n’era già andata (come l’ho invidiata). Quindi, a meno che non lavorassi, andavo in giro per il centro commerciale, in primo luogo il porticato. Ero determinato a far parte delle classifiche dei primi dieci marcatori su Galaga prima di partire per il college.

È lì che mi ero diretto a Il giorno in cui il mistero dei buchi era stato risolto. Il Big Gulp che avevo bevuto mentre andavo al centro commerciale faceva il suo lavoro e dovevo pisciare come un cavallo da corsa. Quando entrai nella stanza degli uomini, tutti gli orinatoi erano occupati. Ho aspettato. Nessuno sembrava fare nulla. Dopo un paio di minuti la mia situazione è diventata disperata. Entrai nell’unica bancarella aperta, sollevando il sedile con la punta della scarpa, decompresso e lasciato strappare. Il mio corpo rabbrividì quando la mia vescica sforzata lasciò andare. Non è una sensazione meravigliosa? Quel brivido sollievo di lasciarsi andare quando hai davvero bisogno di fare una fuga?

Sembrava che mi fossi incazzato per sempre. Mi sono scrollato di dosso e mi sono rimesso il cazzo nei pantaloni. Avevo smesso di indossare la biancheria intima, pensando che mi rendesse spigoloso e fresco, o più spigoloso e freddo come si potesse ottenere nella piccola fetta di Illinois che ho chiamato casa. Mentre stavo abbottonando la mia mosca e scavando come il mio cazzo sembrava sotto il denim stretto, qualcosa ha attirato la mia attenzione. Girai la testa e mi immobilizzai, sbalordito, sbalordito, incuriosito o una combinazione dei tre mi fece trattenere il respiro.

C’era un cazzo che conficcava nel buco.

porno hub – lucalussurioso.com

Non avevo mai visto un cazzo duro, a parte il mio. Tuttavia, non puoi evitare di vedere il cazzo sotto la doccia dopo la lezione di ginnastica. Alcuni di loro sembravano un po ’più lunghi e più paffuti del previsto, non che me ne fossi accorto, ma non avevo mai visto un altro uomo con una vera erezione. L’improvviso bisogno di allungare la mano e toccare il cazzo duro che sporge attraverso il muro è riuscito a rompere la mia confusione. Che cazzo stavo pensando? Paura e panico hanno sostituito intrighi e stupore. Ho scappato. Ho finito di abbottonarmi i jeans mentre mi affrettavo verso la porta. Ho sentito uno degli uomini agli orinatoi ridere e dire qualcosa che non riuscivo a capire. Non ho mai pensato di continuare con il porticato. Ho camminato più veloce che potevo senza correre, sono salito sulla mia povera Vega malconcia e sono uscito da Dodge.

Non riuscivo a togliermi dalla testa l’immagine di quel cazzo. Posso vederlo abbastanza chiaramente anche oggi, così tanti cazzi dopo. Non ho prestato attenzione mentre i campi di grano marciavano oltre il finestrino della macchina, tutti i gambi erano allineati perfettamente come se si stessero preparando per un’ispezione dall’ottone superiore. Era difficile non notare il fatto che il mio cazzo era duro. Aveva iniziato a diventare duro mentre mi godevo il modo in cui appariva, e mi sentivo, intrappolato sotto i miei jeans attillati, ancor prima di vedere il cazzo. Forse mi fa un idiota ma il mio cazzo mi è sempre piaciuto; è l’unica cosa del mio corpo che mi piace davvero. Ero diventato più duro alla vista del cazzo. Era ancora difficile. Era rimasto duro mentre ero fuggito dal centro commerciale per la sicurezza, com’era, di una Vega arrugginita che bruciava un litro di petrolio ogni quattrocento miglia circa. La persistenza del mio legno portava implicazioni che non avevo voglia di meditare. Le mie palle hanno sviluppato quel dolore profondo che non provavo da quando ho rotto con Shelly.

Non ci eravamo fottuti ma una volta mi ha permesso di infilarmi sotto le mutandine. Non ho messo il dito nel suo strappo ma ho potuto sentire quanto fosse calda e bagnata. Mi ha toccato i jeans una o due volte. Era arrivata dove di solito mi lasciava giocare con le sue tette, a volte anche con la camicia alzata e il reggiseno slacciato. Avrei avuto lo stesso dolore profondo e il cazzo duro che tornava a casa da casa sua. Non potrei essere strano. Mi è piaciuto molto uscire con Shelly e il mio unico rimpianto per la rottura è che mi ha spinto ancora di più da ogni speranza di farmi scopare prima di avere trenta o quaranta anni.

Certo, avevo imparato a stare attento dopo la lezione di ginnastica e non guardare sotto la doccia, ma era normale. I ragazzi hanno sempre controllato gli altri ragazzi, soprattutto per vedere come abbiamo confrontato. Ciò non significava nulla. Il mio migliore amico, Randy, aveva spazzato via alcune riviste hard-core da suo fratello maggiore. Questo non era Playboy o nemmeno merda di Hustler. Questo era un vero porno, con uomini che scopavano donne, anche nel culo. Perfino Hustler non ha mostrato ragazzi a pieno titolo. Le riviste che Gary ha rubato avevano tanto cazzo quanto la figa e le tette. Di tanto in tanto ci eravamo buttati uno di fronte all’altro, ma era tutto, niente merda.

the free adult cam

https://lucalussurioso.com/category/canali-porno-tette-grosse/